dal 5 al 11 settembre 2011

  • slide home Nessuna news
  • slide home Nessuna news
  • slide home Nessuna news
  • slide home Nessuna news
  • slide home Nessuna news
  • slide home Nessuna news
  • images/slide/logo_doppiomalto.jpg
  • images/slide/logo_pernoi.jpg
  • images/slide/logo_peroncino.jpg
  • images/slide/logo_rossapuromalto.jpg

Designed by:
Festa della Pizza, Powered by Be4Software
L'11° Edizione
Venerdì 03 Luglio 2009 09:04

Secondo le stime dell’Istituto Europeo della Pizza Italiana, in Italia esistono oltre 20.000 pizzerie «classiche», concentrate prevalentemente in Campania. Esse impegnano un «esercito» di circa 100.000 operatori, generando un fatturato di miliardi di euro all’anno. Una realtà importante, dunque, del nostro Paese. La Festa della Pizza vuole idealmente rappresentarle tutte, perché essa è, anzitutto, la festa dei pizzaioli e delle loro pizzerie, tutte rigorosamente a legna, come vuole la più antica delle tradizioni, tutte rigorosamente a legna, come i pizzaioli stessi della Festa della Pizza hanno difeso a Strasburgo nel 1999.  La Festa della Pizza può vantarsi di essere attualmente il più grande evento internazionale in grado di coinvolgere contemporaneamente le pizzerie più famose della Campania – e, di riflesso, del mondo. Queste pizzerie hanno contribuito a scrivere la storia della pizza in tutte le sue espressioni, dalla notissima «margherita» alla non meno nota «pizza al metro», fino al più recente «panuozzo», passando attraverso le sfumature intermedie delle diverse interpretazioni «locali» della nostra regione. Per partecipare alla Festa della Pizza, le pizzerie devono superare rigorosi criteri di selezione fissati dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS). Questi riguardano il legame con la tradizione, la qualità e la tracciabilità delle materie prime, il processo di lievitazione (che deve essere naturale), la preparazione del disco impastato (che deve essere effettuata manualmente), la cottura con il forno a legna, la professionalità e l’esperienza del pizzaiolo. A questo proposito, il CTS ammette, in via sperimentale, anche la partecipazione di pizzerie prive del requisito di una consolidata tradizione, purché il pizzaiolo che vi lavora possa dimostrare di avere un’esperienza sufficiente a garantire il rispetto dei requisiti sopra menzionati. Questo perché la Festa della Pizza sostiene chi, pur non avendo da molto tempo un proprio locale, dimostra con l’esperienza e, soprattutto, con la passione, il rispetto del metodo artigianale e tradizionale campano di lavorazione. Ogni anno le pizzerie accreditate dal CTS per la Festa della Pizza sono circa 40 e sono rappresentate da altrettante postazioni a legna, dalle quali esperti pizzaioli sfornano ogni sera pizze fumanti, con i colori, gli aromi ed i sapori – tutti mediterranei – della nostra amata Campania Felix.  E i riconoscimenti non mancano. Già molte delle pizzerie partecipanti alla Festa della Pizza erano presenti nel volume di Orietta Boncompagni Ludovisi «Pizza. Supremo sfizio». Nel corso della VI edizione della Festa della Pizza è stato  presentato il volume «Pizze & Pizzaioli» edito dalla prestigiosa rivista enogastronomia GAMBERO ROSSO, e curato dalla giornalista Concita De Luca. Una preziosa guida che, tra «I migliori indirizzi della Campania», come recita il sottotitolo, inserisce, di fatto, tutte le pizzerie che partecipano alla grande kermesse salernitana. Qualche cifra per i più curiosi. Alla Festa della Pizza hanno partecipato finora un migliaio di pizzaioli che hanno distribuito almeno un milione di tranci di pizza! E quest’anno si prevede un’ulteriore «lievitazione» di questi numeri. Infatti, accanto al«cartello campano» – e quasi a sancire l’internazionalità dell’evento – si aggiungeranno le pizzerie straniere, dopo il successo delle trascorse edizioni che hanno visto protagonisti i cugini americani, giapponesi e russi.  Non mancherà, infine, il forno a legna interamente dedicato alla cottura della pizza priva di glutine, per tutti coloro che sono intolleranti a questa sostanza (celiaci). In questo forno, un pizzaiolo adeguatamente addestrato dagli esperti dell’Associazione Italiana Celiachia, preparerà, con una ricetta creata ad hoc da Cosimo Mogavero, gustosissime margherite e marinare da fare invidia a quelle convenzionali. Un grazie caloroso, dunque, ai pizzaioli che ogni anno, con il loro impegno, la loro passione e il loro sacrificio, contribuiscono al successo della Festa della Pizza.

Elenco Pizzerie 2008:

  • I Due Fratelli
  • Antico Borgo
  • Filippo’s
  • Università della Pizza “Da Gigino”
  • L’Antica Pizzeria da Michele
  • Reginè
  • Ciripizza - Pizzia
  • Ausonia
  •  Carminuccio - Totò e Tutù
  • Il Grillo
  • L’Angelo e il Diavolo
  • F.lli La Bufala
  • La Dolce Vita
  • I 3 Moschettieri
  • Le Macine
  • Costa Sud
  • Pullecenella
  • Vac ' e pressa
  • Celiachia A.I.C.
 

Facebook FanBox